Streghe e Pagane di Max Dashu | Venerdì 29 marzo 2019

15 Marzo 2019

Venerdì 29 marzo 2019 dalle ore 16:30 alle 19:30

Ne parleremo con Annalisa Cantelmi, Daniela Di Bartolo e Luciana Percovich.
Corrono circa 1000 anni tra l’affermazione del cristianesimo come religione di stato e i secoli dei Roghi. Max Dashu in Streghe e Pagane. Le donne nella religione popolare europea inizia un appassionante studio su questo lungo e poco esplorato “tempo di mezzo”, quando il loro nome significava ancora donne sapienti, guaritrici, fate e profetesse. Mettendo a confronto linguistica, archeologia, arte e letteratura medievali, le tracce e gli indizi che trova sfatano il mito che queste donne dei “secoli bui” fossero mute, ignoranti e sottomesse.
Piuttosto, erano donne che avevano conservato le conoscenze sulle erbe e sulla nascita.
La loro capacità di “visione” era ricercata anche da sovrani e imperatori. In questo “tempo di mezzo” tra paganesimo e l’età dei roghi solo talvolta furono vittime.
Poi dopo l’anno 1000 le montanti politiche misogine accesero i primi roghi.
Max Dashu ha fondato negli anni 70 i Suppressed Histories Archives in cui ha raccolto oltre 30.000 immagini digitali per studiare e documentare la storia delle donne su scala mondiale. Da allora ha tenuto centinaia di conferenze presso università, convegni, librerie e attualmente sta lavorando alla serie Secret History of the Witches di cui questo sarà il volume VII.
È possibile leggere estratti tratti dai volumi non ancora pubblicati sui siti www.suppressedhistories.net e
https://suppressedhistories.academia.edu/MaxDashu

Evento Facebook

Sulle tracce della Grande Madre di Giuditta Pellegrini | 25 gennaio 2019

16 Gennaio 2019

Venerdì 25 gennaio 2019 dalle ore 17:00 alle 19:30

Luciana Percovich, Chiara Eusebio e Giusi Di Crescenzo
presentano il libro Sulle tracce della Grande Madre
Collana Le Civette della casa editrice Venexia

Un viaggio fra passato e presente attraverso il Mediterraneo, da Çatalhöyük a Malta, da Simena, città matrifocale licia della Turchia, a Sejnane, piccolo villaggio berbero dove le donne lavorano la terracotta secondo il metodo ancestrale e con decorazioni che ripetono la simbologia della Dea neolitica.
Un fantastico carnet de voyage con le foto scattate durante il percorso, il testo scritto in prima persona sotto forma di diario giornalistico e gli acquarelli che costruiscono un dialogo coi luoghi della civiltà della Grande Madre, alla ricerca delle nostre radici e di un futuro possibile.

Sarà presenta l’autrice GIUDITTA PELLEGRINI, videomaker, fotografa e giornalista.

Ha documentato tra le altre cose l’immediato dopo guerra in Bosnia, i campi profughi palestinesi in Libano, la trasformazione verso la modernità nei villaggi rurali in Cina, le donne della resistenza in Italia, la battaglia per la sovranità alimentare delle donne dalit in India, il post rivoluzione in Tunisia, il mondo contadino in Basilicata.
Collabora con alcune riviste quali Terra Nuova e Yoga Journal e insegna Kundalini Yoga a Bologna, dove risiede.

Verrà proiettato un video sulla lavorazione della ceramica a Seinane.

Evento Facebook

Presentazione del Libro IL MITO DELLA DEA venerdì 16 marzo 2018 dalle ore 17:00 alle ore 20:00

10 Marzo 2018

Ultimo libro della collana ” Le Civette Saggi” di VENEXIA editirice curata da Luciana Percovich, che naturalmente sarà presente all’incontro insieme ad Alessandra De Nardis, Giusi De Crescenzo e Chiara Eusebio.

Un’opera che ci guida a rimettere a fuoco la memoria collettiva umana e a riscrivere l’inizio della storia. “il mito della Dea” contribuisce a darci una” visione dell’esistenza come un tutt’uno sacro” e quindi un nuovo pensiero sulla vita e sul mondo in sintonia con le nuove scoperte che fisica e biologia del XX sec. ci stanno fornendo.

Partecipa all’evento su Facebook

Verso Il luogo delle Origini Sabato 11 novembre 2017 dalle ore 17:00 alle ore 20:00

11 Novembre 2017

Chiara Eusebio e Giusi di Crescenzo incontrano Luciana Percovich per riscoprire con lei momenti del suo percorso di vita, studio e ricerca, il cui motore principale è stato il desiderio di libertà e di sacro femminile come raccontato nel suo ultimo libro VERSO IL LUOGO DELLE ORIGINI.

Un’ occasione per partecipare a quello che sarà un dialogo a più voci, ognuna a partire dalla propria esperienza nel movimento delle donne, intrecciando percorsi che sono insieme singolari, personali e politici.